Scegli

 

scegli un posto
per vivere
un posto per dormire
una strada per andarci
e le scarpe scegli bene
scegli un’aria
che mi scivoli sul viso
una distesa di odori di vita
e di respiri
da seguire palmo a palmo
e i polmoni scegli bene
scegli una mappa
e dimmi dov’è
ché non sono un mago ma
ti seguirei lo stesso
scegli i guanti giusti
per i giorni
freddi senza giochi
scegli una carta dal mazzo
e dimmi qual è
ché non sono un mago
e se ciò che scegli non è
sulla mia strada
io ti seguirò lo stesso

Facile

è facile in fondo
                                dirsi
                    lasciarsi raccontare
lasciare che a dire siano 
           le notti
                  analgesiche
o doloranti
i giorni farneticanti
                         e i nastri di parole
                                 srotolati 
                                            giù
                                               dal mento
                    parole che riaffiorano
da quel dolore acuto    
                                         o galleggianti
su una gioia piana
                        in      superficie       smossa 
 da scorie di noia
                      è facile contare
giocare con gli accenti
dare pesi 
            e poi misure
                                     ingannare i fuoritempo
con battiti e contorni
                                   controllati
è facile poi sottrarsi
al ripensare
all’analisi dei vuoti
tra una cosa detta                         e l’altra
facile rivolgere lo sguardo
                                      ad un altrove
                     senza
                                      sentire dissonanze
e crederlo un valore
facile è anche rinunciare
                                             a domandarsi
                            a chiedersi
a darsi
difficile è non credere che sia davvero tutto 
                                                       qui