La ricetta

                            con un piede in una staffa
                            e l’altro ben piantato 
                            verso il cielo
                            toccarsi l’angolo più opposto 
                            e sconosciuto
                            di una pena ricurva su se stessa
                            lasciar andare poi le braccia 
                            in rotazione
                            come a farne grandi molle 
                            usarle per slanciarsi 
                            sopra al bosco, fitto
                            dell’assenza
                            con un dito nella presa
                            di coscienza
                            e lo sguardo rivolto al lampadario
                            sfiorarsi la tristezza 
                            quotidiana
                            e rimanere in ascolto di ricordi
                            che stanno per aggiungersi
                            buone saranno le possibilità
                            di un sorriso
                            è quasi matematica, non si scappa

(… l’ultima settimana è stata di febbre alta e forte tosse, ma niente di insuperabile, specie grazie al pensiero che domani si va a Dublino, per 4 giorni, e non si poteva rischiare di annullare la partenza…)

Annunci

17 pensieri su “La ricetta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...