Parole per strada

E c’erano anche le parole non scritte o non ancora.
Quelle tortuose e intimorite dell’autostrada FI-BO e quelle tortuose, sì, ma rilassate, della statale Abetone-Brennero, confuse con quelle contrariate, che su quella statale ci stavano solo per errore.
C’erano le parole raggomitolate in abbracci di mezza mattina, in attesa di una nuova partenza.
E quelle ancora senza consuetudine, intermittenti, ma sempre divertite e disponibili del viaggio fino in Svizzera.
E quelle sorprendenti di una poliziotta alla frontiera, in cerca di pane per il salame e non di bagagli da ispezionare.
Ma c’erano anche quelle agitate e felici dell’arrivo, insieme a quelle bloccate in gola dall’emozione e dalla stanchezza.
Le parole delle piante trapiantate dal Mantovano a far crescere un giardino sempre aperto ed accogliente.
E poi parole a spasso per Mendrisio e parole sedute al tavolo di un bar. Parole carissime, queste.
A cena le parole corrucciate di una fonduta attesa invano e le parole di ripiego sulla pasta multiforme.
E quelle assonnate del dopocena, svogliate ma stoiche a finir di preparare.
Di notte parole sognate, al mattino già sparite.
Ma poi parole a colazione, parole sui tornanti e parole sui palloncini mancanti.
E c’erano parole già arrivate in largo anticipo e quelle invece in bel ritardo e tutte comunque contente di esserci.
E parole indaffarate ad apparecchiare i tavolini, per un po’ sospese ai sorrisi e poi sbriciolate sulla tavola imbandita.
E c’erano le parole che Colombina scambia ancora col marito, riflesso in ogni albero del bosco.
E quelle impertinenti di un ditino di bambina che colorava il naso a tutti, ma lasciava scegliere il colore.
C’erano parole accompagnate al vino ed altre da quel vino un po’ nascoste.
C’erano parole tutte accoccolate sul prato, a scartare il regalo del sole, inaspettato e gradito, ed altre rimaste all’ombra di un albero e di un cane paziente.
E tutte, stanche di scritture, ad ascoltare quelle ammalianti di una fiaba a voce alta.
E c’erano poi, e son sempre lì, sotto le cortecce e dentro i rami, le parole che gli alberi si dicono alla sera, quando il bosco si è svuotato e anche Colombina lo saluta e torna a casa.
C’erano insomma parole non scritte ed altre ancora non dette, insufficienti ancora per dire di tutte le altre che c’erano.
Parole che volevano restare libere ed ora saranno fissate in qualche pagina.
Altre che sembravano voler restare prigioniere ed ora invece sono tornate a correre, per strada.

(la foto è sua, lo scrittore nel bosco è lui, parole boschive si trovano anche qui, qui e qui)

Annunci

23 pensieri su “Parole per strada

  1. …alla fine ce l’ho fatta (dopo 15 minuti di caricamento) 🙂
    Max. è solo per questo che non passo tanto spesso (una mia visita vale almeno 10 contatti altrui….eheheheh…)
    è sempre un piacere parlare di parole.
    Salute.
    JB

  2. é stato un grande piacere, e continua ad esserlo. stiamo trascrivendo le fettucce ed in attesa di raccontartele di fronte ad una piatto di fettuccine ti lascio un cordiale saluto in attesa di saccheggiare un pò di codici (non vinciani !!!!) a presto Max: spero solo che passi questa settimana dagli orari impossibili per incrociar di nuovo le matite e dar più corpo alla nostar Dama Nera….

  3. carissimo, ho visto le tue foto in gmail! sono bellissime! Dalla fretta ho perso un bel po’ di contorni (Mendrisio, la casa di Deli…), che però ora posso vedere.
    Ciao
    Senza

  4. Grazie Max per questo bel post che ha parole per ogni circostanza e richiede parole mute di ammirazione e raccoglimento – la foto e l’atmosfera boschiva mi hanno messo addosso il desiderio di tornare in montagna a passeggiare e riflettere tra i boschi. La stagione invoglia. Un abbraccio e buon week end.

  5. Mi hai lasciato il tuo augurio mentre stavo pubblicando un posto delicato (parla di donne)….rispondo qui con un altrettanto sentito affetto. Buon tutto Max. a presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...