Di colore

il sangue di mio padre
era rosso
il sangue di mio fratello
poteva essere rosso
il sangue di mio figlio
potrebbe essere rosso
come quello del mio vicino
il sangue di chi sta lontano
è certamente rosso
come il sangue
di chi è partito e rosso
è il sangue di chi arriva
da lontano
fuggendo il proprio sangue
da ferite inferte dal vicino
e il sangue scorre rosso
anche in chi dimentica
e in chi accusa
il sangue da cui proviene
è rosso il sangue che scorre
in ogni cuore vivo
in ogni angolo di mondo
e quello versato
per un angolo di mondo in più

prima del sangue vorrei sapere
di quale colore è la speranza
per ognuno di questi cuori
di quale colore
è la giustizia

Annunci

27 pensieri su “Di colore

  1. mi piace. mi piace soprattuto pensare che anche il sangue dei cattivi è rosso. mi sorprende il fatto che tu abbia scritto queste parole e che io le legga proprio adesso, in un giorno di sangue e di strage.
    mi viene da pensare alla ginestra di leopardi.
    sentirò la tua mancanza 🙂
    un abbraccio,
    mappi

  2. Sono un viandante sullo stretto marciapiede della terra, e non distolgo il pensiero dal Tuo volto che il

    mondo non mi svela.
    (Karol Wojtyla)

    Un augurio speciale, affinchè tu non perda mai il punto di riferimento importante nella vita. Che tu

    possa sempre essere roccia solida e nutrimento di grazia per chi ti sta affianco.
    Ti mando un sorriso
    Vale

  3. La speranza e la giustizia hanno colori indefiniti, sono cangianti e hanno riflessi diversi secondo come li osservi, a volte esplodono in una luce accecante altre sono trasparenti eterei, come se non esistessero, ora in questo tragico frangente sembrano del tutte eclissate…ma sappiamo che esistono e sono radicate dentro di noi, illuminiamo le nostre menti e e diamo loro colore e spessore, come mai prima d’ora…

  4. Non so quale sia il colore della giustizia, non credo sia uno.
    So che i “giusti” spesso sono invisibili, come l’aria o l’anima, invisibili e necessari. I giusti esistono più della giustizia.

    “Un uomo che coltiva il suo giardino, come vuole Voltaire.

    Chi è contento che sulla terra esista la musica.

    Chi scopre con piacere una etimologia.

    Due impiegati che in un caffè del sud giocano in silenzio agli scacchi.

    Il ceramista che intuisce un colore e una forma.

    Il tipografo che compone bene questa pagina che forse non gli piace.

    Una donna e un uomo che leggono le terzine finali di un certo canto.

    Chi accarezza un animale addormentato.

    Chi giustifica o vuole giustificare un male che gli hanno fatto.

    Chi è contento che sulla terra ci sia Stevenson.

    Chi preferisce che abbiano ragione gli altri.

    Queste persone, che si ignorano, stanno salvando il mondo.”

    (Borges)

  5. L’occhio vede soltanto la sabbia, ma il cuore illuminato scorge la fine del deserto e la terra fertile.
    (Proverbio orientale)
    Credo che la cosa più importante sia vedere con il cuore e non con gli occhi, così facendo capiremo davvero dove c’è terra fertile. In ogni persona vi è un vasto terreno d’amore e di doni che va scoperto.
    Che tu possa essere terreno fertile!
    Un abbraccio
    Vale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...