Errori

Quelli che per me sono comportamenti normali, per altri sono errori. Ciò che sembra innocuo nel contesto delle mie conoscenze e relazioni interpersonali, in altri contesti è offensivo. Mi sembra di capire che le differenze di cultura si possono riassumere in questo concetto, che abbiano in questa mancanza di conoscenza delle priorità e delle posizioni dell’ altro la loro espressione conflittuale.
In altre parole ci scazziamo perchè diamo importanza a cose diverse e ciascuno non sa cosa ha veramente importanza per l’altro, così quando mi si fa notare che non sono ciò dovrei, che non sono capace di cambiare, che il mio cambiamento è la condizione indispensabile perchè il resto stia finalmente al suo posto, mi rispondo che forse è così, ma non può dipendere tutto solo da me, che per quanto sia alto il mio senso del dovere e del sacrificio, non tutto il peso della costruzione di un futuro migliore deve stare sulle mie spalle.
Mi dico che se proprio ci crediamo dovremmo dividerci i compiti e i pesi, fare in modo che ciascuno si faccia carico un po’ anche dei difetti e delle mancanze dell’altro, per non restare troppo delusi dalle difficoltà altrui, per non caricarsi di aspettative eccessive verso chi ha in fondo gli stessi nostri dubbi, ma soprattutto le stesse nostre finte certezze.
Tutto ciò che si fa, anche i gesti più insignificanti e spontanei, possono diventare allora errori irrimediabili, se chi ci sta di fronte ha di quei gesti una visione diversa.
Il peggio viene quando si incolpa l’altro delle proprie delusioni, quando si accusa l’altro di essere l’artefice dei propri fallimenti e per quanto questi possa essere autocritico fino all’autoflagellazione, non riesce ad accettare il verdetto inoppugnabile di condanna definitiva e l’incomprensione monta in modo esponenziale.
Se poi portiamo questo genere di rapporto irrisolto anche nella sfera dei rapporti personali si capisce come certe differenze condizionino e certe posizioni precostituite rendano, diciamo così, problematiche molte realtà apparentemente tranquille.
A questo punto la risposta, provocata dalla situazione, potrebbe essere quella che culture, o persone, così lontane è meglio non si incontrino mai, anzi è meglio che si combattano, anzi è meglio rivoltarcisi contro e così via.
Ma anche questo sarebbe un errore.
Il più grande.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...